—————————
Sei un Assicuratore e sei alla ricerca di un Videocorso sulla Vendita Assicurativa Avanzato?

>>> CLICCA SUBITO QUI

Sei un neofita e hai bisogno di dare solide fondamenta alla tua attività di intermediario Assicurativo?

>>> CLICCA SUBITO QUI
—————————

Oggi vorrei parlare con voi di un argomento molto attuale.

 

Che riguarda il social media marketing assicurativo.

 

Come molti di voi sanno, io vendo polizze, porto avanti quest’attività nel weekend e la sera, e a volte anche la notte, per cui è inutile che mi metto a curare una pagina Facebook dedicata alla mia attività di assicuratore se non riesco a curarla.

 

Vorrei fare un po’ di chiarezza perché anch’io seguendo la mia pagina facebookho un budget pubblicitario mensile e ci sono comunque delle linee guida generali da seguire per chi vuole intraprendere questa strada.

 

La prima: non smetterò mai di dirlo, ve l’ho detto anche in un altro video, ragazzi non chiedete di cliccare mi piace sulla vostra pagina agli assicuratori, a meno che non avete una pagina come la mia che vendete qualcosa per gli assicuratori, ma non ha senso.

 

Non ha senso perché crearsi una community vuol dire crearsi una community che sia in target.

 

In target che cosa significa?

 

Significa che nessuno dei vostri amici, parenti, assicuratori comprerà mai una polizza da voi.

 

Se ci riuscite tanto di cappello ma non è questa la finalità.

 

La finalità dev’essere quella, se lavorate ad esempio in una zona, di acquisire una community in quella zona per fare poi delle attività.

 

Per cui cercate di mirare a un target specifico.

 

Facebook è un’arma stupenda perché vi permette proprio di targettizzare in base a tantissimi fattori.

 

Se voi volete fare un’iniziativa sugli avvocati, dando prima dei contenuti, quindi dando un qualcosa che per loro sia utile, potete targettizzare tutti gli avvocati della zona, sponsorizzando magari un articolo che sia rivolto a quella specifica categoria professionale, o magari un video che sarebbe anche meglio.

 

Una volta che avete sponsorizzato il video che è rivolto ad esempio agli avvocati, in secondo luogo potete lanciare sì quello che è un video di un prodotto o di uno sconto particolare riservato a quella categoria.

 

A quel punto voi potrete anche targettizzare solo chi ha visto il 50% di quel video.

 

Capite l’efficacia di questo strumento?

 

Facendo così voi potete non solo andare a prendere quella categoria, ma quella categoria ha mostrato interesse per il video: quanti l’hanno visto?

 

Ok, l’hanno visto in 4000, in 500 però l’hanno visto più della metà.

 

Faccio un’altra azione su quella specifica categoria che ha visto più di metà del mio video proponendo un qualcosa su cui ho fatto campagna precedente di sensibilizzazione al mio potenziale cliente.

 

Calcolate che poi Facebook mostra i vostri post a una piccola percentuale della vostra community.

 

Mi rendo conto che parlando con qualcuno di voi molte volte c’è ancora la confusione di dire: ‟Io posto qualcosa, lo vedono tutti”.

 

Posto qualcosa, lo vede una piccolissima percentuale della mia community, se poi posto una foto la vede una piccola percentuale in più, se poi posto un video una percentuale ancora più alta, se poi lo sponsorizzo metto lì la monetina, ok?

 

ll mio post viene visto da più persone, perché immaginatevi voi: faccio scorrere Facebook, se io vedessi tutte le cose sponsorizzate, tutte le cose a cui ho cliccato mi piace, non vedrei altro e quindi non sarei intenzionato a restare su Facebook visto che Facebook vuole comunque che noi restiamo sulla piattaforma, vuole che vediamo solo determinate cose.

 

La terza cosa è quella che non si può neanche qui proporre un prodotto senza prima conoscere il cliente.

 

Perché il cliente dovrebbe acquistare quel prodotto se prima non ha avuto un valore aggiunto?

 

Non ha senso!

 

Perché non inizi magari a fare un video in cui fai vedere come compilare la constatazione amichevole e magari spieghi anche le differenze tra una polizza auto e con la franchigia, con la rivalsa, senza rivalsa?

 

Se io sono una persona che deve acquistare una polizza auto e vedo che tu mi dai consigli utili, magari ho avuto un incidente 3 mesi fa, il mio assicuratore non mi ha assistito per compilare la constatazione amichevole, sarò molto più intenzionato a venire da te, ok?

 

Il discorso però è farlo, perché non basta dare il post con lo sconto, con il prodotto ma devo dare qualcosa prima.

 

Come nella vendita offline, quindi diretto rapporto con il cliente, offro una consulenza prima, cerco di capire dal mio cliente quelli che possono essere i suoi interessi, i suoi obiettivi, e cerco di aiutarlo a realizzarli, devo partire a monte pensando a quali possono essere gli obiettivi e gli interessi del mio cliente, cosa posso fare per offrirgli qualcosa di utile.

 

È molto più difficile, sinceramente non trovo nessuno su Facebook, agenzia o intermediaria, a patto 2 persone (sì proprio 2, le ho contate sulle dita), per cui o ti costruisci una community oggi o investi oggi sia facendoti il culo sia impegnandoti e cercando di capire come funziona questo mondo, o altrimenti l’anno prossimo ti ritroverai col tuo post che gira su Facebook e che gli unici che interagiscono sono di fatto i tuoi colleghi.

 ————————————————————————-

VUOI AUMENTARE LE TUE VENDITE?

TI PIACEREBBE RICEVERE OGNI SETTIMANA SPUNTI UTILI DA UTILIZZARE IN TRATTATIVA?

ALLORA UNISCITI SUBITO GRATIS AL NOSTRO GRUPPO SEGRETO PER ASSICURATORI SU FACEBOOK!

>>>>> FAI CLICK QUI PER ACCEDERE SUBITO  <<<<<