Un sito internet professionale deve svolgere la stessa funzione della tua agenzia, ma sul web. Deve riuscire ad aiutarti a vendere prodotti o servizi. Deve comunicare all’esterno il posizionamento di marchio

Un sito richiede investimenti, al pari di un negozio su strada da allestire. Non si tratta di scaffali o affitto, ma di hosting e contenuti

Già, contenuti. Contenuti aggiornati. Non basta fare un sito, pagare l’esperto e tutto si è finito lì. Serve un investimento costante in contenuti

Sono più di 25 milioni gli Italiani che si collegano ad internet ogni mese: per questo è importante esserci e farlo nella maniera migliore possibile. La maniera migliore possibile passa anche da un sito ottimizzato per cellulari (la maggior parte degli accessi arriva da lì)

Il vantaggio – facendo le cose bene – è quello di avere un’agenzia che lavora 24 ore su 24. Sono tante le persone che accedono ai miei siti anche di notte, e vanno ad inserire i loro dati per richiedere maggiori informazioni

Quindi qual è il vantaggio di un sito internet rispetto – magari – all’investimento per aprire una sub agenzia? Capitale minore, una visibilità 7 giorni su 7 e 24 ore su 24

Mica poco!

Ma ci sono anche aspetti negativi: serve comunque un investimento, non è gratis (sì, si può fare ma è una schifezza!)

Si può scegliere un hosting economico, ma sarà lento. E quindi il sito sarà penalizzato dai motori di ricerca

In sostanza c’è poco da dire: se devi fare questo investimento lo devi fare come si comanda. Magari affidandoti ad un professionista che lo fa di lavoro.

Altro svantaggio, forse il più importante: il tempo! Per scrivere contenuti per il sito e realizzare dei video serve tempo. Se non c’è tempo allora servono soldi per pagare qualcuno

Un sito stra-figo non vale nulla se non è ricco di contenuti, se non trasmette valore agli utenti, se non si fa marketing lì sopra. Meglio non farlo


Sarà un impegno mentale e non fisico, è vero. Tanti colleghi mi dicono: “Ho fatto il sito ma non lo visita nessuno”. Ok, ma non c’è un blog e non comunica nulla. Non ha testo ottimizzato. È questa la ragione!

Quindi prima di fare un sito porsi tre domande: siamo disposti ad investire soldi? Siamo disposti ad investire tempo? Vogliamo veramente aumentare il nostro business?

Se non ci sono tre sì allora è veramente inutile


Da tre sì passa la vera via per commissionare un sito, un sito fatto veramente bene

Poi c’è un’altra cosa che devi considerare: hai la pagina Facebook, ma non è tua. Hai un profilo Linkedin, ma non è tuo. Ci sono degli asset che hai “in prestito” ma che in qualsiasi momento – per qualsiasi ragione – possono essere chiusi

Un sito è tuo, ti appartiene. E a meno di trattare argomenti illegali non viene chiuso. Dipende esclusivamente da te, non dal Zuckerberg di turno

E sta a te realizzare contenuti di rilievo per posizionarlo su Google. Da lì ti arriva un traffico organico (e quindi gratuito) che Facebook non può darti

Ho cercato di raccogliere qui le ragioni per cui è meglio fare o non fare un sito internet. Perchè senza sforzi e sacrifici non ha proprio senso, così come accade nel tuo business

Se non hai un processo di analisi consolidato e vuoi implementare un metodo corretto di vendita, qui trovi il mio corso  >>> CLICCA SUBITO QUI