—————————
Sei un Assicuratore e sei alla ricerca di un Videocorso sulla Vendita Assicurativa Avanzato?

>>> CLICCA SUBITO QUI

Sei un neofita e hai bisogno di dare solide fondamenta alla tua attività di intermediario Assicurativo?

>>> CLICCA SUBITO QUI
—————————

Incassi, sinistri, arretrati, correre per la polizza dell’ultimo minuto…

 

Gestire i collaboratori, gestire i problemi con i manager, gestire i problemi con gli agenti (forse questo però non dovevo dirlo!) …

 

Durante la nostra attività sono veramente tantissime le cose che dobbiamo fare.

 

Se io vado a ritroso e guardo gli ultimi 2 mesi, quante ore, quanti giorni ho dedicato effettivamente alla mia produzione personale sono 2 a settimana.

 

2 a settimana perché il resto purtroppo oggi viene mangiato da quelle che sono altre attività, che pian piano si sviluppano con il corso del tempo, che magari all’inizio non avevamo.

 

È per quello che all’inizio potevamo anche permetterci di lavorare sui grandi numeri, quindi visitare quanti più clienti possibili sperando di vendere qualcosa.

 

Bisogna pianificare altrimenti siamo un po’ come una biglia nel biliardo che viene sballottata da una parte all’altra.

 

7 consigli che ti voglio dare per gestire al meglio la tua attività e fare anche una corretta pianificazione.

 

Numero 1: ogni mese, ogni 3 mesi e ogni anno stenditi quelli che sono degli obiettivi che possono essere diversi a seconda del livello di esperienza che hai.

 

Possono essere numerici, quindi in termini di produzione vita, produzione danni, produzione auto.

 

Possono essere numerici nel senso di aumentare il numero pezzi, oppure possono essere obiettivi in termini di appuntamenti magari se sei all’inizio.

 

Ma datti degli obiettivi, stendi un piano di battaglia che ti permette di avere chiari gli obiettivi che ti sei dato prima.

 

Devi scrivere in questo piano di battaglia come intendi raggiungere questi obiettivi, scrivi delle cifre che siano ambiziose, realizzabili e ti permettono di ottenere la soddisfazione di raggiungere i risultati che vuoi raggiungere.

 

Ma per essere concreti e per essere soprattutto fatti, quegli obiettivi devono essere supportati da quello che è un piano di battaglia, per cui stendi su questo piano in che modo vuoi realizzare questi obiettivi, quali iniziative hai in corso, se vuoi realizzare delle riunioni in agenzia, se vuoi fare qualche iniziativa particolare, quali categorie intendi contattare.

 

Questo piano di battaglia andrà poi monitorato, quindi come terza cosa fai un monitoraggio costante, settimanale su quella che è la tua attività.

 

Guarda quelli che sono gli obiettivi intermedi che hai raggiunto e guarda invece quanto ti manca a raggiungere invece magari l’obiettivo di fine mese.

 

In questo modo fai una corretta pianificazione che ti permette anche di automotivarti e di darti la spinta per superare poi quell’obiettivo.

 

Creati una lista della spesa, sì come la lista della spesa che utilizzi quando vai a fare compere o a fare shopping.

 

Creati proprio una lista, in questa lista inserisci esattamente quelle che sono le trattative che pian piano vengono fuori dai tuoi incontri.

 

Le trattative non sono quelle presentazioni mordi e fuggi in cui lasci il volantino o spieghi rapidamente cos’è la polizza infortuni.

 

No!

 

Una trattativa ha delle caratteristiche particolari e ha l’importo definito e sostenibile per il cliente e ha una scadenza temporale.

 

Se hai questi 3 dati inserisci queste trattative in una lista e monitorale man mano, vedi che cosa alla fine del mese hai chiuso e che cosa invece è rimasto in sospeso e cerca in ogni caso di avere una risposta positiva o negativa dal cliente.

 

Avere sempre il ci voglio pensare non fa altro che lasciare lì la trattativa e poi anche tu come io facevo in passato pensi che quella trattativa prima o poi entri ma in realtà poi non è neanche più una trattativa, è semplicemente una presentazione che hai fatto mesi prima.

 

Per cui creati questa lista della spesa e tienila aggiornata.

 

Ti può aiutare effettivamente a capire come stai lavorando qual è la previsione di chiusura da qui a fine mese.

 

Numero 5: dai un focus particolare alla gestione della tua agenda.

 

Come dicevo, negli ultimi 2 mesi purtroppo io stesso ho dedicato poco tempo alla produzione ma è normale perché, più si va avanti con l’attività, più le cose da fare aumentano.

 

Per cui dobbiamo ritagliarci sempre del tempo dedicato a incontrare i clienti per poter proporre nuove soluzioni.

 

Strutturando in agenda quelli che sono dei punti fissi ti crei anche delle abitudini che ti aiuteranno molto anche nel corso dell’attività.

 

Avendo dei giorni predefiniti tu sai che in quei giorni dovrai incontrare i clienti per fare delle proposizioni commerciali e di conseguenza ti organizzerai diversamente.

 

Numero 6: gestisci gli appuntamenti in base anche a come sono geolocalizzati.

 

Uno dei miei errori all’inizio è stato quello di programmare gli appuntamenti e di prenderli ovunque e con chiunque senza però avere un’organizzazione logistica corretta.

 

Se c’era un appuntamento a 25 km di distanza lo prendevo dopo che ero stato da un altro cliente e dopo magari ritornavo nel paese di prima.

 

Questa poca organizzazione e pianificazione dell’attività mi faceva spendere un sacco di soldi in benzina e mi faceva perdere un sacco di tempo.

 

Oltretutto c’era anche lo stress che saliva per gestire quest’attività perché non avevi il tempo di fermarti un attimo, neanche per bere un caffè.

 

Per cui gestire anche a livello logistico in modo corretto gli appuntamenti ti può aiutare sia ad allentare lo stress che a lavorare meglio.

 

Se hai il tempo giusto per preparare l’appuntamento successivo, sicuramente l’appuntamento lo svolgerai meglio che fare tutto di corsa, giusto?

 

Numero 7: non sottovalutare mai la tua formazione personale.

 

La mattina ho l’abitudine improrogabile, imprescindibile, di bermi un caffè, un bicchiere d’acqua e di mangiarmi una brioche.

 

E mentre lo faccio, nel mio bar preferito, mi leggo puntualmente Il Sole 24 Ore.

 

E non lo faccio perché mi diverto.

 

Sia chiaro, sono argomenti che m’interessano ma comunque mi danno una panoramica di quella che è l’attività oggi, di cosa è successo oggi e mi danno anche un’opportunità di chiusura in più anche davanti al cliente.

 

Essere aggiornato, essere formato è una cosa fondamentale per la nostra attività perché ci permette di non arrivare impreparati davanti a quel cliente che magari un po’ di cultura finanziaria e assicurativa ce l’ha.

 

Ottavo punto: non c’era l’ottavo punto ma mi è venuto in corso d’opera, non dimenticarti di vendere.

 

Tutta questa pianificazione serve poi a farti avere la massima efficacia, la massima serenità, la massima tranquillità in termini di vendita.

 

Darsi degli obiettivi, scrivere questi obiettivi, pianificare l’attività, capire come svolgere quell’attività per raggiungere quegli obiettivi è una cosa fondamentale.

 

E la nostra mente, avendo comunque qualcosa di scritto su cui ragionare, lavora meglio e ci permette di avere sempre più stimoli per interfacciarci in modo corretto anche davanti ai clienti.

 

Altrimenti rischiamo di essere come la pallina che dicevamo in precedenza, di essere sballottati da una parte all’altra, senza però avere effettivamente una meta da raggiungere.

 ————————————————————————-

VUOI AUMENTARE LE TUE VENDITE?

TI PIACEREBBE RICEVERE OGNI SETTIMANA SPUNTI UTILI DA UTILIZZARE IN TRATTATIVA?

ALLORA UNISCITI SUBITO GRATIS AL NOSTRO GRUPPO SEGRETO PER ASSICURATORI SU FACEBOOK!

>>>>> FAI CLICK QUI PER ACCEDERE SUBITO  <<<<<