Alcuni Consigli Per Evitare di Essere Sfruttati Nel Lavoro di Assicuratori

 

Il mondo delle vendite è strano. Infatti l’assicuratore (o più in generale in venditore) è forse l’unico lavoro che può permetterti di guadagnare tantissimi soldi, molti di più rispetto a un medico o un avvocato.

E puoi riuscirci anche se non sei quel tipo di persona che riesce a passare 15 ore al giorno sui libri, requisito indisensabile per  le categorie sopra citate.

Quindi il lavoro del venditore sembra essere il Sacro Graal per moltissimi giovani che cercano un futuro in quest’epoca di incertezze.

Dopotutto, basta guardarsi intorno per capire che le cose non si stanno mettendo bene per la maggior parte delle persone qui in Italia:

 

  • Il posto di lavoro a tempo indeterminato è morto, se non per pochissime persone.

 

  • Le aziende chiudono i battenti per fallimento o per trasferirsi all’estero, in qualche nazione dove gli operai sono sottopagati.

 

  • La pressione fiscale è tra le più alte d’Europa (per non dire del mondo!) e fare il libero professionista sta diventando sempre più difficile.

 

Anche per plurilaureati con dottorati e lodi accademiche sta diventando sempre più dura costruirsi un futuro concreto in Italia. Sembra quasi che nessuno apprezzi più l’impegno e la dedizione allo studio.

Ma anche all’estero piano piano le cose stanno cambiando. Infatti sono sempre di più i giovani italiani emigrati nel Regno Unito o in Australia che tornano indietro poiché “”reduci” di parecchi sfruttamenti quasi schiavisti.

Insomma, sembra quasi non esserci scampo. Per quelli nati in questo periodo storico il futuro si presenta solo come un’ombra scura: niente casa di proprietà, niente comodità, niente vacanze, niente prospettive professionali.

Una vita fatta di lavori sottopagati, a contratto, a termine, a stage o a voucher. Niente che permetta di costruire un futuro decente per se e il proprio partner.

 

Con uno scenario simile, pensa come sarebbe un lavoro che:

  • Puoi fare anche con il diploma.
  • Non richiede anni e anni di studio o gravose tasse universitarie.
  • Puoi gestire comodamente negli orari (in pratica, lavori quando vuoi!).
  • Dove puoi vestirti con giacca e camicia all’ultima moda.
  • Dove i guadagni sono estremamente alti, tanto da poterti permetterti attico, Mercedes in garage e vacanza tutti gli anni ai Caraibi (nessuno mi tocchi la Repubblica Dominicana, li ci ho lasciato veramente il cuore).
  • Un lavoro dove tutti vengono assunti e le aziende sono alla costante ricerca di persone.

 

cerco lavoro nelle assicurazioni

 

Insomma, sembra troppo bello per essere vero!

 

Com’è possibile?!? Milioni di giovani a spasso, senza uno straccio di futuro, snobbati da tutti… Che possono fare questo tipo di vita?

Dimmi la verità, Daniele, mi stai prendendo in giro?

Assolutamente no, è proprio così! Vendere polizze può realmente garantirti tutto quello che puoi desiderare dalla vita: ed è un’occasione aperta a tutti, senza distinzioni di sesso ed età.

 

Ci sono solo due piccoli “inconvenienti” pero’:

  • Il lavoro del venditore è meritocratico.
  • Le aziende italiane hanno massacrato questa categoria per anni.

 

Questi due punti sono gli unici due motivi che possono separarti da una vita di agi, lussi e grande disponibilità economica.

 

LA MERITOCRAZIA ESISTE ANCORA IN ITALIA?

 

In molti si chiedono se la meritocrazia in Italia esista ancora. So già che in tantissimi che leggono queste righe diranno di no, ma in realtà la risposta è un’altra.

La risposta è ni.

Che cosa intendi, Daniele? Spiegati meglio.

Cosa voglio dire? Che nel mondo della vendita, la meritocrazia in Italia esiste, ma solo in determinati ambiti.

Ci sono moltissime aziende, anche assicurative, infatti, che offrono realmente l’opportunità di costruirsi un meraviglioso futuro (anche economicamente parlando) nel mondo della vendita.

Perchè magari ti offrono piani formativiaffiancamento iniziale, un rimborso spese per i primi tempi o applicazioni che possono rendere il lavoro incredibilmente più semplice ed efficace.

Di aziende che possono garantirti il successo ce ne sono molte, ma tantissimi giovani hanno ancora molti dubbi per un insieme di ragioni che ci trasciniamo dietro da anni.

In particolare, uno dei motivi per cui il lavoro del venditore è visto come un lavoro di serie B dove la meritocrazia non c’entra niente, è l’incapacità diffusa tra la maggior parte delle aziende italiane di fornire un reale supporto ai propri venditori.

A parte le solite riunioni che altro non fanno se non parlare di numeri, dove il migliore verrà elogiato, il peggiore cazziato e il mese prossimo succederà che il migliore sarà ancora il migliore e il peggiore se ne sarà andato.

Situazione forse che non si sarebbe verificata se anzichè mostrare sempre dei numeri, si fossero tenute delle best-practise o se si fossero fatte delle gare con incentivi economici più importanti.

Questo però si sa, non molte aziende lo capiscono.

Per essere chiari, per esserci la meritocrazia deve esserci anche terreno fertile.

 

Cosa voglio dire?

 

In molti dicono che in Italia non c’è meritocrazia (e in larga parte è vero) perchè mancano le condizioni affinché questo avvenga.

Se in università ci sono i baroni che si tengono stretti i loro posti a 90 anni suonati solo per mantenere il potere, è difficile che un valido e promettente ricercatore possa ottenere un posto di rilievo o una cattedra in quello specifico ateneo.

In maniera simile, se un’azienda assume cani e porci per poi limitarsi a dargli un mazzo di brochure e mandarli fuori a vendere con un calcio nel sedere, è difficile parlare di successo professionale.

 

O il venditore in questione è un vero e proprio asso che ce l’ha nel sangue (molto, molto difficile… In questo caso significa che si fa il mazzo per conto suo perche’ NON PUO’ FALLIRE ), oppure farà questo lavoro per 2-3 mesi, per poi lasciare tutto e dire che il lavoro del venditore fa schifo e la meritocrazia non esiste.

Purtroppo al giorno d’oggi le aziende che tengono questo comportamento sono ancora molte.

Qualsiasi piccola PMI italiana si limita ad assumere chiunque gli capiti sotto le grinfie, a spremerlo come un’arancia matura durante un caldo e torrido pomeriggio di luglio per poi gettare via l’involucro vuoto che ne rimane.

E comunque, sia chiaro…

Anche se capiti in una delle migliori aziende che offrono formazione, affiancamento, bonus e quant’altro, meritocrazia significa che il successo te lo devi MERITARE.

A molte persone piace riempirsi la bocca di meritocrazia, quando quello che vorrebbero sarebbe solo uno stipendio alto, troppo alto in proporzione alle loro capacità reali.

Purtroppo molte persone hanno il brutto vizio di sopravvalutarsi e, nel tempo, la meritocrazia “dell’avere successo solo se te lo meriti” sta diventando “a me spetta avere successo, a prescindere da quello che so o non so fare”.

Ma sei hai voglia di lavorare, impegnarti, applicarti e imparare sempre cose nuove, una buona azienda che ti guida in questa professione può essere la migliore cosa che ti può capitare.

 

COME OTTENERE QUINDI IL FUTURO CHE TI MERITI?

 

formazione forza vendita

 

Forse vuoi ottenere di più dalla vita per poter dare a te e alle persone che ami la vita che vi meritate. Forse vuoi semplicemente che i tuoi figli possano avere tutte le occasioni che il mondo offre, per avere successo e realizzarsi.

Oppure, molto più semplicemente, vuoi ottenere di più per te stesso. Vuoi avere una bella casa, una bella auto e vivere bene, circondato da cose belle.

Magari non hai la fidanzata (o il fidanzato), ma pensi che ottenendo di più avrai maggiori possibilità di conoscere la tua anima gemella.

Oppure vuoi fare come me, che nonostante abbia sempre guadagnato bene, non ne ho mai in tasca neanche una, perche appena arriva lo stipendio prenoto un viaggio da 3 o 4.000 euro. Sono scelte.

 

Ognuno ha la sua REASON WHY... Il suo perché, e il mio é sempre stato quello.

 

Non c’è niente di male in questo e tutte le motivazioni che spingono a migliorarti, sia dal punto di vista professionale che dal punto di vista umano, sono più che benvenute.

Il mondo delle assicurazioni è sempre stato quello più orientato al lavoro del venditore: infatti sono in moltissimi ad aver trovato il successo grazie a questo settore, che praticamente non conosce crisi.

Per avere successo e spingere l’asitcella sempre più in alto devi però avere una fortissima REASON WHY tua, personale e interna.

Questa nessuno te la può togliere e sarà il vero motore che muoverà la tua attivita, anche quando non ci sarà nessuno a motivarti o sarai da solo, perchè starai lavorando per un TUO OBIETTIVO, non per quello di qualcun altro.

Di mediocri ne è già pieno il mondo. Quello che mancano sono i fuoriclasse, quelli che il mondo lo cambiano e diventano l’eccezione alla regola.

Il successo o il fallimento in questo lavoro dipende solo da te.

Quindi la prossima volta che fallisci, o non ottieni i risultati che meriti, prova a chiderti PERCHÈ LO FAI, cosa ti spinge a farlo.

Sono sicuro che se guarderai in fondo a tuo cuore troverai la ragione che potrai utilizzare la volta dopo per raggiungere l’obiettivo. 

 ————————————————————————-

VUOI AUMENTARE LE TUE VENDITE?

TI PIACEREBBE RICEVERE OGNI SETTIMANA SPUNTI UTILI DA UTILIZZARE IN TRATTATIVA?

ALLORA UNISCITI SUBITO GRATIS AL NOSTRO GRUPPO SEGRETO PER ASSICURATORI SU FACEBOOK!

>>>>> FAI CLICK QUI PER ACCEDERE SUBITO  <<<<<